lunedì 4 novembre 2019
ultimo aggiornamento:

Pomodori fin dopo Halloween.

pomodori nell'orto biologico fin dopo halloween

Abbiamo mangiato l'ultimo nostro
pomodoro il 1 di novembre, cosa
strana, e ancora più strano è che
per tutto ottobre ne abbiamo
raccolti tanti.

Nella nostra zona si arrivava
a settembre con i pomodori,
direi metà, fine settembre, e
dopo basta, invece in questo
2019, fin dopo Halloween.

Se qualcuno mi dice ancora che
il clima è normale, che è tutto
ok, gli tiro dietro dei pomodori,
di quelli verdi, rimasti sulle piante
che Elle ha levato l'altro giorno.

Elle online, aveva scoperto una
ricetta per mangiare anche i
pomodori verdi, non però
quelli fritti che hanno dato
il titolo a un famoso film.

Volevamo fare il chutney di
pomodori verdi, una buona
salsa in agrodolce di origine
indiana, ma l'arrivo del freddo,
con piogge, ci ha fregati.

Infatti, ora, dopo mesi quasi
senza un goccio, piove come
in Blade Runner, come non ci
fosse un domani, e i pomodori
non ci sono più (finalmente?).

10 commenti:

  1. Giovedì scorso sono corsa al supermercato perché avevo preparato tutto per Halloween ma avevo dimenticato le caramelle (nel caso fosse passato qualche bambino a fare dolcetto o scherzetto) ed era già tutto addobbato per natale... mi è sembrato assurdo, soprattutto perché qua siamo a novembre e c'è un clima più simile a settembre.
    In tema orto, io fatto fatica a trovare i cavolfiori, e quello che ho preso ieri sapeva di poco.

    RispondiElimina
  2. Sì, quello dei supermercati che stanno dietro alle feste come se non ci fosse un domani, è un fenomeno di questi ultimi anni davvero inquietante. Inquietante come il clima di questi anni, con verdure fuori stagione, come i nostri pomodori (ma anche melanzane, fagiolini, peperoni, nel nostro autunno). Quanto ai cavolfiori, noi non ne piantiamo, trovandoli di buoni al negozio bio, e quelli mangiati fino a ora sapevano di cavolfiore (anche troppo, secondo Elle, che sente gli odori molto più di me 😎).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è mai troppo quando si parla di cavolfiori:) Mi ricordo certi "impuzzamenti" che si sentivano per tutte le scale del palazzo! Devo andare a cercarli al mercato o nei negozi bio.

      Elimina
    2. Ah, ah, ah, sì, è vero ... il cavolfiore è tutta salute. Noi abbiamo deciso di abbandonare per sempre i supermercati, troppo affollati, stancanti, pieni di vuoto. E dopo i negozi bio, che continuiamo a frequentare, ci siamo iscritti a un gas della zona.

      Elimina
    3. Io intanto mi sono lavata i capelli prima di andare a dormire perché il troppo (odore di cavolo) storpia (il sonno) ;o)

      Elimina
  3. Comodo, avere i pomodori sotto casa a ottobre, eppure inquietante...

    RispondiElimina
  4. Pomodori in novembre, mi avete fatto tornare alla mente una foto di qualche anno fa, dieci per l'esattezza, broccoli e pomodori nella stessa cassettina. Da noi il limite massimo per i pomodori lo stabiliva la prima gelata, e se non era quella era la peronospora a dichiarare la fine delle piante. Le poche protette dall'umidità della notte e delle piogge con un telo sorretto agli angoli, ci regalavano gli ultimi pomodori un poco scipiti sin al primo freddo negli ultimi anni quasi a natale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, vero che se avessimo protetto i pomodori cuore di bue, che hanno iniziato dopo (come dice Elle nel post successivo a questo), forse ne staremmo mangiando ancora, forse come te, fin quasi a natale. Questo è un segnala preciso, quella foto con pomodori e broccoli (probabilmente non in serra), di come il clima sia andato a scatafascio.

      Elimina

Se vuoi commentare, prima leggi la nostra informativa sulla privacy, per sapere come usiamo i tuoi dati (nome e indirizzo email che dovrai inserire per commentare). Letta? Ecco, adesso puoi commentare.

Aspetta!

Lo sai che ogni mese mandiamo le nostre Lettere dall'orto e, se vuoi, anche tutti i post del blog direttamente nella tua casella di posta? Per riceverle basta che ci dici il tuo nome e il tuo indirizzo email, scrivili qui >Lettere dall'orto di Elle e Alli.