sabato 14 settembre 2019
ultimo aggiornamento:

Come lo chef Beria.

Zucchine, artemisia e borragine.

Un'altra pianta di campo della quale vi
voglio parlare è l’artemisia, erba molto
diffusa nei nostri campi e che lasciamo
crescere libera nel nostro orto.

Anche l’artemisia è commestibile, e ha
numerose proprietà, che non starò qui
a elencare (trovate tutto nel web), ma
vi dirò come mangiarla.

Siccome l’artemisia ha un gusto molto
forte, deciso, unico, direi marcato quasi
come la menta, a me piace poco
aggiungerla nell’insalata.

Ho trovato però un modo per gustarla,
esaltando sia le il suo gusto forte, sia
quello più soft della zucchina, che a
noi piace molto cruda.

Cerco di tagliare a fettine, con un coltellino
e con il pelapatate la zucchina, in modo da
ottenere non una julienne, ma direi una
zucchina trifolata.

Anzi, direi meglio, una sorta di carpaccio
di zucchina, al quale aggiungo poi delle
foglioline di artemisia, della quale cerco
di prendere gli apici.

Viene fuori un antipasto vegetariano o
vegano che mi fa sentire come lo chef
Beria, sono veramente orgoglioso di
me, per noi Beria è un esempio.

Come tocco finale, consiglio di insaporire
il piatto non con olio d’oliva, ma con olio
di lino, ideale per carpaccio di zucchina
cruda con artemisia e fiori di borragine.

2 commenti:

  1. Presa dalla curiosità l'ho cercata... sembra impossibile da trovare. Vorrei proprio la piantina da tenere sul balcone ma non ho idea di dove andarla a cercare. È così rara?

    RispondiElimina
  2. Non è rara, almeno in campagna, forse lo è di pi in città. Comunque non ti preoccupare, cercheremo in qualche modo di fartela avere ...

    RispondiElimina

Se vuoi commentare, prima leggi la nostra informativa sulla privacy, per sapere come usiamo i tuoi dati (nome e indirizzo email che dovrai inserire per commentare). Letta? Ecco, adesso puoi commentare.

Aspetta!

Lo sai che ogni mese mandiamo le nostre Lettere dall'orto e, se vuoi, anche tutti i post del blog direttamente nella tua casella di posta? Per riceverle basta che ci dici il tuo nome e il tuo indirizzo email, scrivili qui >Lettere dall'orto di Elle e Alli.