lunedì 10 giugno 2019
ultimo aggiornamento:

Raccogliere nell'orto erbe da seccare.

Raccogliere nell'orto erbe da seccare.
Giugno è il mese giusto per ricominciare a pensare alle erbe aromatiche e ai fiori spontanei che hai nell'orto. Molti di questi infatti raggiungono la massima concentrazione di nutrienti essenziali proprio in estate, ed è questa la stagione giusta per raccogliere erbe da seccare come scorta per l'inverno. Le erbe che crescono spontaneamente nell'orto, infatti, non sono utili solo per attirare le api o per tenere lontani i parassiti, ma anche per essere mangiate, sia fresche in primavera-estate, sia secche in autunno-inverno, come facevano le nostre nonne – o dovrei dire bisnonne?

A me hanno sempre affascinato le cose antiche, come le chiamavo da piccola, e la capacità degli anziani di capire i cambiamenti del tempo guardando il cielo o di riconoscere le erbe commestibili in mezzo a tante altre. Se guardare il cielo presto non sarà più possibile, riconoscere le erbe è una conoscenza che posso recuperare e fare mia. Io e Alli abbiamo già sperimentato negli scorsi anni la raccolta delle erbe aromatiche, quest'anno vogliamo provare anche con la raccolta delle erbe spontanee, per avere spezie per tutto l'anno.

Ecco quindi che il nostro consiglio è quello di lasciare nel tuo orticello biologico qualche isola di erbe spontanee o di aromatiche, da raccogliere durante la bella stagione per mangiarle fresche, e poi in estate per conservarle secche. Il procedimento è così semplice che una volta iniziato con un'erba, vorresti averle già raccolte tutte.

Raccogliere nell'orto erbe da seccare: melissa
La melissa puoi raccoglierla tutta in estate, da conservare, e lei ricrescerà tutta entro l'autunno.

(per vedere bene le foto, in questo e in tutti i nostri post, cliccaci sopra, saranno meno sfuocate, vedrai)

Quando raccogliere le erbe spontanee o aromatiche.


Ogni pianta ha il suo punto balsamico, che rappresenta il periodo dell'anno in cui i principi attivi sono più concentrati. Il momento della giornata invece è metà mattina, quando ancora non c'è troppo caldo, ma nemmeno più l'umidità della mattina (la rugiada o quello che è). Un'altra cosa da considerare è la parte di pianta che si intende raccogliere, e questa determina il momento della vita della pianta in cui raccogliere la pianta stessa:
  • se vuoi raccogliere le foglie, infatti, devi farlo prima che la pianta fiorisca, quando è giovane e le foglie sono ancora tenere e saporite, prima che diventino cuoio
  • se vuoi raccogliere i fiori, invece, devi aspettare che la pianta fiorisca, e devi raccoglierli prima che appassiscano 
  • se vuoi raccogliere la radice devi aspettare che la pianta abbia finito il suo ciclo, oppure la raccogli prima che inizi
  • infine i semi vanno raccolti quando la pianta è ormai fiorita, è andata a seme, e sta per lasciarli cadere a terra per far iniziare il nuovo ciclo.

Raccogliere nell'orto erbe da seccare: tarassaco
Il tarassaco è fra i primi a offrirsi per la raccolta in primavera.

Ecco perché le foglie del tarassaco vengono raccolte all'inizio della primavera o anche prima, i fiori di zucca li raccogliamo appena fioriscono (ma se vuoi le zucchine raccogli solo i maschi e non tutti!), cioè a fine primavera-inizio estate; il topinambur si raccoglie quando la pianta si è seccata e lo stesso vale per lo zenzero; mentre i semi vanno raccolti quando la pianta sfiorisce, e questo dipende anche dal periodo dell'anno in cui la pianta sfiorisce.

Raccogliere nell'orto erbe da seccare: borragine
La borragine la puoi raccogliere prima che fiorisca (foglie) e dopo (fiori).

L'ideale è identificare le erbe spontanee che hai nell'orto e poi consultare un libro (come questo*) per scoprire quando raccogliere quella pianta nel corso dell'anno, perché non tutte le parti di una pianta sono commestibili e comunque, come ho detto, ogni parte di pianta ha il suo momento giusto per essere raccolta e per averne tutti i benefici quando la usi; inoltre il momento giusto per raccogliere cambia da pianta a pianta: se noti non tutte le erbe fioriscono nello stesso periodo e, assieme alla fioritura, slitta in avanti o indietro anche il punto balsamico delle foglie o della radice o dei semi. Proprio come con gli ortaggi.

Raccogliere nell'orto erbe da seccare: achillea
L'achillea è spontanea, ricresce sia nello stesso posto che dove capita.

Come raccogliere le erbe spontanee o aromatiche.


Con delicatezza. Rispetta la natura, rispetta la pianta, raccogli senza ammazzare la pianta e se devi per forza sradicarla perché ti serve la radice, fai in modo di lasciare qualche esemplare così che la pianta possa propagarsi ancora. Ricorda che in natura non esistono vivai, eppure esistono tutte le specie di piante possibili e immaginabili. Quindi:

  • se la pianta è perenne, per far sì che ricresca forte e sana, non traumatizzarla strappando la parte che ti interessa: usa le forbici
  • se la pianta è annuale e raccogli all'inizio del suo ciclo (per esempio le prime foglie tenere o i primi boccioli) non sradicarla, perché continuerà a fare foglie e fiori se sarai gentile con lei
  • se hai piante da radice lascia qualche radice per l'anno prossimo, direttamente nel terreno, o tienile da parte in cucina (hai mai fatto germogliare le patate?)
  • se vuoi le foglie taglia tutto il ramo alla base e lascia le foglie attaccate
  • se invece prendi i semi non strappare il fiore o il frutto secco: taglialo di netto.

Raccogliere nell'orto erbe da seccare: origano
L'origano è perenne, cioè ricresce, e più folto di prima.

Raccogliere nell'orto erbe da seccare: menta
La menta è invasiva, cioè non te ne liberi neanche raccogliendola tutta.

Raccogliere nell'orto erbe da seccare: alloro
L'alloro è perenne, basta potare le punte per averne da vendere.

In generale taglia di netto la parte che ti interessa, usando forbici affilate - e il discorso vale anche per gli ortaggi che raccogli, ma soprattutto raccogli solo la quantità che ti serve, anche perché le erbe secche non si conservano per più di un anno senza perdere le loro proprietà nutritive o curative – metti nel conto anche i regali che farai.

Raccogliere nell'orto erbe da seccare: prezzemolo
Il prezzemolo da conservare si raccoglie già a maggio.

Se il giro di raccolta è lungo metti tutto in sacchetti di carta o di stoffa, o meglio ancora in un cestino aperto, che lasciano passare l'aria e non creano muffe, ma appena possibile stendi le erbe su un vassoio oppure appendile. Per lo stesso motivo non raccogliere erbe se la giornata è umida e/o nuvolosa: ci deve essere il sole e la rugiada del mattino deve essere evaporata. Il raccolto va tenuto al sole e all'aria finché non si finisce di raccogliere e si può iniziare a essiccare. Il nostro consiglio è di non aspettare mai il giorno dopo per essiccare le piante raccolte, perché non solo perdi i principi nutritivi, ma la pianta inizia a trasformarsi, cambia colore, fermenta, marcisce.

Raccogliere nell'orto erbe da seccare: basilico
Il basilico è annuale, ma non aspettare... ehm... che fiorisca.

Raccogliere nell'orto erbe da seccare: stevia
La stevia è perenne, ma solo se in inverno la proteggi dal freddo.

Raccogliere nell'orto erbe da seccare: coriandolo
Il coriandolo è annuale, dopo le foglie fresche puoi raccogliere i semi.

Importante: se adesso ti è venuta voglia di raccogliere erbe da seccare ma hai l'orto in balcone, puoi andar per erbe, come si dice. Solo tre raccomandazioni: tieniti distante dalle zone trafficate e inquinate, informati se nella zona o nella regione ci sono divieti per la raccolta di tutte le erbe o di alcune erbe rare o protette, raccogli solo erbe di cui hai la certezza che siano commestibili, che riconosci chiaramente.

Il promemoria per raccogliere erbe da seccare.


La prossima volta parliamo di >come essiccare, se serve lavare le piante oppure no prima di seccarle, e se sì, come si fa eccetera. Intanto ti lascio il pdf del promemoria per raccogliere erbe da seccare, è gratuito e lo ricevi se ti iscrivi alle nostre Lettere dall'orto, la newsletter di Elle e Alli che mandiamo ogni quattordici giorni secondo la luna. Anche la newsletter è gratis, in cambio ti chiediamo solo nome e indirizzo email, altrimenti come facciamo a spedirtela? Dai, scherzo, trovi il modulo >qui.

Ps. tutte le foto tranne quelle del tarassaco e del prezzemolo sono del 2017 e del 2018.

*link affiliati

Nessun commento:

Posta un commento

Se vuoi commentare, prima leggi la nostra informativa sulla privacy, per sapere come usiamo i tuoi dati (nome e indirizzo email che dovrai inserire per commentare). Letta? Ecco, adesso puoi commentare.

Aspetta!

Lo sai che ogni mese mandiamo le nostre Lettere dall'orto e, se vuoi, anche tutti i post del blog direttamente nella tua casella di posta? Per riceverle basta che ci dici il tuo nome e il tuo indirizzo email, scrivili qui >Lettere dall'orto di Elle e Alli.