lunedì 27 maggio 2019
ultimo aggiornamento:

Che cos'è il palco di foglie di una piantina e a cosa serve.

Un palco di foglie o palco fogliale è un livello, o piano, di foglie sul fusto di una piantina. Facciamo che le piantine sono palazzi e che per ogni piano del palazzo ci sono una o due foglie: a volte sono una di fronte all'altra, sullo stesso pianerottolo; altre volte una foglia è un poco più in alto dell'altra, come su un mezzo piano, e questo dipende dal tipo di ortaggio o dalla varietà. Questi “piani” sono i famosi palchi di foglie.

Nelle indicazioni sulla coltivazione di un ortaggio, oltre all'espressione “palco di foglie” puoi trovare anche la dicitura “quarta-quinta fogliolina” (o terza-quarta, o quinta-sesta) oppure “quando la pianta ha emesso la quarta-quinta foglia”. Sapere cos'è un palco di foglie è importante per organizzare i lavori dell'orto, perché attorno al palco di foglie ruotano molte cose da fare con le piantine degli ortaggi. Per la precisione, il palco di foglie di un ortaggio indica il momento giusto per fare qualcosa: trapiantare, cimare, potare, raccogliere e altre operazioni che cambiano da ortaggio a ortaggio.

Il palco di foglie (se sono a coppie) o il numero di foglie di un ortaggio (se sono alternate), serve per sapere:
  • quando diradare le piantine seminate in semenzaio o seminate a spaglio in campo;
  • quando trapiantare le piantine nella loro dimora definitiva in campo;
  • quando spuntare i rami degli ortaggi che tendono a diramarsi troppo, col rischio che i frutti abbiano poco nutrimento “sprecato” per le estremità della pianta;
  • quando cimare la cima degli ortaggi che tende a crescere troppo in altezza, col rischio di cui sopra.

Che cos'è il palco di foglie di una piantina e a cosa serve

Per contare i palchi di foglie o il numero di foglie di una piantina, si devono tenere fuori dal conto i cotiledoni: sono le primissime due foglioline di un ortaggio, quelle che ti fanno urlare “è germogliato!”. Di solito è dalla terza-quarta foglia in poi che si iniziano a contare i palchi di foglie dell'ortaggio. Dalla terza foglia in poi la forma delle foglie è diversa da quella delle prime due, e si parla di “foglie vere”. Le foglie vere sono quelle che devi contare. Se per caso i cotiledoni si staccano o si seccano, potrai distinguere facilmente le foglie vere dalle prime foglioline embrionali, perché hanno appunto un'altra forma.

Non sempre le istruzioni per la coltivazione di un ortaggio parlano di palchi di foglie: talvolta si parla di altezza in centimetri o di mesi dalla semina per indicare il momento giusto per diradare gli ortaggi, trapiantarli a dimora, cimarli eccetera. Dipende anche dalla velocità di crescita dell'ortaggio e dalla grandezza finale che raggiungerà quel tipo di pianta.

In generale però:
  • se la piantina ha solo i cotiledoni è una neonata;
  • se ha due-quattro foglie o due palchi di foglie, ed è alta almeno cinque centimetri è giovanissima;
  • quando arriva a sei-otto foglioline o tre-quattro palchi di foglie, ed è alta circa venti centimetri è già maggiorenne e può andare a vivere da sola: questo è anche il periodo in cui la pianta può crescere vertiginosamente sotto i tuoi occhi dall'oggi al domani, dipende dalle condizioni in cui la coltivi, ma anche dalla sua natura;
  • oltre i venti centimetri perderai il conto dei palchi di foglie perché la pianta inizierà a ramificarsi (dipende dall'ortaggio e dalla varietà), potrebbe aver bisogno di spazio per strisciare o di un sostegno per arrampicarsi (dipende dall'ortaggio e dalla varietà), e vivrà tutte le sue fasi di crescita: rami carichi di foglie, fiori, frutti e alla fine andrà a seme.

Tenere d'occhio i palchi di foglie è importante per capire a che punto della sua vita si trova la pianta e di cosa ha bisogno, ovvero cosa devi fare tu per aiutarla a crescere bene. Secondo me il numero di foglie è un indicatore molto più preciso che dire “a un mese dalla semina”, ma anche questa informazione è utile, se è la prima volta che coltivi, perché ti lascia capire quanto ci dovrebbe mettere una piantina a crescere abbastanza per essere trapiantata. Ricorda che se una piantina cresce lentamente può essere colpa del clima avverso o delle temperature troppo fredde o troppo calde, e agisci di conseguenza.


Leggi anche:

>Quando le piantine sono grandi devono andare a vivere da sole
>Come trapiantare o travasare gli ortaggi e quando
>Ricilare vasetti per seminare in semenzaio

2 commenti:

  1. Sembra incredibile quanti siano i dettagli utili da sapere per coltivare bene, sarà per questo che quando qualcuno dimostra scarsa intelligenza si dice "vai a zappare" e non "vai a coltivare", di certo anche a zappare bene bisogna imparare ma quel che viene dopo è pazzesco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zappare bene è importante sia per la terra che per il corpo. Io non ci riesco! Bisogna tenere le gambe ferme, muovere la schiena il minimo, puntare sulle braccia e... è tutto un gioco di addominali! Preferisco la zappetta, è più leggera ^_^
      Ma alla fine è più importante conoscere i dettagli, quindi forse quel detto è pensato bene.

      Elimina

Se vuoi commentare, prima leggi la nostra informativa sulla privacy, per sapere come usiamo i tuoi dati (nome e indirizzo email che dovrai inserire per commentare). Letta? Ecco, adesso puoi commentare.

Aspetta!

Lo sai che mandiamo le nostre Lettere dall'orto con tutti i post del blog direttamente nella tua casella di posta? Per riceverle basta che ci dici il tuo nome e il tuo indirizzo email, scrivili qui >Lettere dall'orto di Elle e Alli.