lunedì 13 maggio 2019
ultimo aggiornamento:

Che pianta è la portulaca?

La portulaca è commestibile e utile nell'orto
La portulaca o porcellana è una pianta che io e Alli abbiamo sempre conosciuto come fiorellino in vendita dai fiorai. O almeno crediamo. Non ce lo ricordiamo più, perché adesso noi e la portulaca siamo grandi amici, è come se ci conoscessimo da sempre! Infatti la portulaca è una pianta spontanea e infestante, anche se noi preferiamo chiamarla tappezzante, e questo ti dice subito com'è che si comporta la portulaca nell'orto e nel giardino. Se poi il tuo orto è biologico, di certo non ti metterai a estirparla come se fosse gramigna, vero?
Come molte erbe spontanee, infatti, la portulaca ha così tanti vantaggi in un orto biologico o in un giardino fiorito, che se non ce l'hai già, correrai a procurartela.

La portulaca che pianta è?


La portulaca è una piantina che sembra grassa, perché ha gambi morbidi e cicciosi, sul rosso violaceo e foglioline piccole e carnose, verde scuro; in alcune regioni d'Italia infatti è chiamata anche erba grassa. I fiori sono fucsia, ho visto però su internet migliaia di foto di tutti i colori perché, naturalmente, anche di portulaca esistono diverse varietà. Oltre al colore dei fiorellini cambia anche la forma delle foglie, alcune varietà le hanno tondeggianti o ovali, come la nostra, altre le hanno allungate come fossero aghi di rosmarino. Se non ce l'hai e non l'hai mai avuta, probabilmente l'hai vista in giro, alle finestre, soprattutto delle case vecchie, sempre in vaso: a me tornano in mente immagini d'infanzia, e anche se non ne ho un ricordo preciso, mi vien da dire che la portulaca fosse la pianta più diffusa nei cortili, assieme al geranio.
La portulaca è una pianta annuale, però non la elimini così facilmente, dato che si propaga e si dirama con immenso piacere; motivo per cui, penso ora che sono grande e “esperta”, nessuna donna assennata ha mai avuto la portulaca in piena terra, ma sempre e solo in vaso. Scommetto che se la lasci libera quella cresce anche nel cemento, come fanno molte piante spontanee piene di voglia di vivere.
Noi ce la siamo ritrovata a sorpresa nell'orto, e come sempre abbiamo cercato di scoprire se la portulaca è commestibile e utile nell'orto, ed è entrambe le cose, quindi puoi immaginare la nostra gioia (e noi immaginiamo la tua, se prima non lo sapevi).

La portulaca è commestibile e utile nell'orto
La portulaca è cresciuta sotto il pisello.

Il primo vantaggio dell'avere la portulaca nell'orto.


Dico “avere” nell'orto e non dico “coltivare” perché, come tutte le spontanee, anche la portulaca se la cava da sola.
Vantaggio numero uno: la portulaca è commestibile. Soprattutto se, come noi, hai eliminato il pesce dalla tua alimentazione, la portulaca è una delle fonti vegetali di omega 3. Fa parte della cucina tradizionale italiana di diverse regioni, e viene usata tutta la pianta tranne le radici.
Ti dico come la mangiamo io e Alli:
  • rimpolpiamo il pesto quando abbiamo poco basilico: se il basilico è quello coltivato da te con metodi naturali darà al pesto un buon sapore intenso anche se è poco, le foglie e i rametti più teneri della portulaca daranno sostanza;
  • facciamo un pesto solo di portulaca: ovviamente è buona anche da sola, avrà semplicemente un sapore diverso da quello del basilico, meno aromatico più erboso (descrizione mia);
  • facciamo l'insalata mista, con altre verdure da foglia (lattughe e sorelle) o con verdure di altro tipo: la portulaca si sposa con tutto, provala e scegli la tua combinazione di sapori preferita;
  • la cuociamo nella zuppa o nel minestrone, tutta la pianta tranne la radice: i suoi gambi contengono mucillagine, che dà cremosità alla zuppa, anche se noi questo non l'abbiamo mai notato, perché forse ne mettevamo poca;
  • la aggiungiamo a frittate, farinate, focacce, polpette anche assieme ad altre verdure come cipolle, carote, melanzane, tipiche di queste preparazioni, ma in realtà ci puoi mettere quello che vuoi, anche solo portulaca;
  • non l'abbiamo mai provata fritta in pastella, perché io non friggo neanche morta, ma è possibile mangiare la portulaca anche così;
  • non abbiamo mai provato a fare le foglie sottolio o sottaceto, perché ce la mangiamo sempre fresca, ma non sarebbe male come idea, visto che è davvero molto infestante, la quantità ce l'avremmo;
  • non abbiamo mai provato a seccare i semi e mangiarli come qualsiasi altro seme (di lino, di chia, di papavero), però i semi li abbiamo mangiati freschi, perché l'anno scorso a fine stagione quei puntini neri erano ovunque in mezzo alla pianta e lavarli via tutti era impossibile: appena ho capito che erano i semi (commestibili), ho buttato tutto nell'insalatiera e ce li siamo mangiati senza pensarci due volte.
La portulaca è commestibile e utile nell'orto
2018: la nostra portulaca vicino alle cipolle.

La portulaca è commestibile e utile nell'orto
Fotogramma dal video del riassunto di giugno 2018.

Il secondo vantaggio della portulaca nell'orto.


Il secondo vantaggio della portulaca è nell'orto: la portulaca è molto apprezzata dalle api, soprattutto se la lasci fiorire anziché mangiartela prima; l'anno scorso noi avevamo la portulaca nell'aiuola delle cipolle e in altre zone dell'orto, dove era meno invasiva, quindi raccoglievamo la portulaca solo dall'aiuola delle cipolle, e l'abbiamo lasciata nelle altre aiuole, dove in estate è fiorita attirando api e altri insetti impollinatori, che sono utilissimi nell'orto perché contribuiscono alla biodiversità*.
Nella nostra aiuola delle cipolle, la portulaca era diventata molto ramificata e con gambi grossissimi, e temevamo che disturbasse le cipolle, ma così non è stato. Essendo una pianta che rimane bassa, aveva creato un tappeto che sembrava proteggere il terreno delle cipolle, impedendo che si seccasse troppo al sole. Noi avevamo iniziato a raccogliere la portulaca, anche estirpandola, da un lato solo dell'aiuola; e dopo poco tempo io avevo notato che proprio lì dove non avevano più il “fastidio” della portulaca, le cipolle si erano afflosciate, mentre nella parte di aiuola dove ancora c'era un tappeto di portulaca le cipolle erano belle rigogliose. Ho così pensato che la portulaca avesse svolto la funzione di pacciamatura vivente: proteggeva le cipolle dal troppo caldo e così le cipolle non hanno avuto bisogno di troppe annaffiature (che comunque a loro non piacciono). Io che non amo affogare le piante, naturalmente ero contenta di poter innaffiare meno.
Di per sé la portulaca non ha bisogno di cure colturali, solo di luce e caldo, infatti in inverno muore, quindi non puoi considerarla anche come protezione contro il freddo. Infatti adesso, nell'aiuola delle cipolle, ci sono tutte le erbe spontanee del creato tranne la portulaca. Un'altra cosa che non piace alla portulaca è l'umidità, perciò se vuoi considerarla come erba per la tua cucina, da avere sempre nell'orto, prendila come una pianta da consociare: seminala o compra le piantine da trapiantare vicino a ortaggi che non hanno bisogno di troppa acqua, come le cipolle, oppure augurati che nasca spontaneamente proprio dove vuoi tu. E ti dirò: nelle aiuole dove avevamo coltivato ortaggi che hanno bisogno di molta acqua, la portulaca l'anno scorso non è comparsa, perché le erbe spontanee non sono sceme, loro attecchiscono dove il terreno è ideale. Perciò io e Alli siamo fiduciosi che anche quest'anno, vicino alle cipolle, “coltiveremo” la nostra amata portulaca.

*E infatti ogni anno noi abbiamo nuove spontanee, come è successo quest'anno con le violette.

La portulaca è commestibile e utile nell'orto
Tappeto di portulaca da cui spuntano le cipolle.

La portulaca è commestibile e utile nell'orto
Tappeto di portulaca, luglio 2018.

Elle e Alli amano la portulaca ma non solo.


Se vuoi sapere in anteprima le novità dall'orto di Elle e Alli, le nuove piante di cui ci innamoriamo, come le usiamo (mangiamo) e ricevere approfondimenti e pdf utili per l'orto, leggi qui come funziona Lettere dall'orto, la newsletter che mandiamo ogni quattordici giorni secondo la luna, con dentro tutte queste cose. Se invece vuoi leggere ancora qualcosa sull'argomento mangiare la portulaca o in generale mangiare le erbe spontanee: su wikipedia c'è una panoramica di ricette regionali, mentre tutte le informazioni su erbe commestibili con tanto di foto e disegni per riconoscerle, io e Alli le prendiamo da questo libro qui:

Atlante delle Erbette di Prati, Rive e dei Piccoli Frutti di Bosco
Le ricette per cucinarle
€ 5,80


*link affiliati

4 commenti:

  1. Credo sia catalogabile, come altre piante "quasi grasse", come "succulenta" e in questo caso, essendo edibile, la definizione calza a pennello da diversi punti di vista!
    Sapevo che è mangereccia ma non avevo mai indagato in quali modi, grazie per i svariati spunti! 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi di sì, portulaca succulenta!
      Se la provi facci sapere, così poi ci scambiamo le ricette ;)

      Elimina
  2. Speriamo, una volta smesso di piovere, di trovarcela nell'orto 😁.

    RispondiElimina

Se vuoi commentare, prima leggi la nostra informativa sulla privacy, per sapere come usiamo i tuoi dati (nome e indirizzo email che dovrai inserire per commentare). Letta? Ecco, adesso puoi commentare.

Aspetta!

Lo sai che ogni mese mandiamo le nostre Lettere dall'orto e, se vuoi, anche tutti i post del blog direttamente nella tua casella di posta? Per riceverle basta che ci dici il tuo nome e il tuo indirizzo email, scrivili qui >Lettere dall'orto di Elle e Alli.