lunedì 26 novembre 2018
ultimo aggiornamento:

Le carote sono l'ortaggio più facile da coltivare?

Le carote sono l'ortaggio più facile da coltivare?
Che le carote sono l'ortaggio più facile da coltivare non solo è una cosa che io e Alli abbiamo sentito spesso, ma è anche una grande cavolata. Detto chiaro e tondo. Naturalmente non è così per tutti, per diversi motivi, non da ultimo: cosa intendi tu per “facile”? È più facile far uscire di casa un cane o un moscone? Dipende: se hai paura dei cani... Ecco, io con gli esempi a volte esagero, ma ci siamo capiti. Quanto alle carote, potrei dirti che è meglio se non le coltivi se ti fanno schifo i bruchi ciccioni, ma se vogliamo parlare solo ed esclusivamente della semplice coltivazione... Ecco, parliamone.

L'ortaggio più facile da coltivare è...


...l'ortaggio che trovi già coltivato. Ovvero, quell'ortaggio che appena lo semini germoglia, quello che appena germogliato già cresce, quello che appena cresciuto sai già che è maturo, non devi riconoscere il giusto grado di lucentezza della buccia o il livello di giallo delle foglie. Se penso a un ortaggio del genere, mi viene in mente la rucola, ma anche lei, a volte, l'abbiamo seminata e non è nato nulla (per esempio in questa aiuola dove per questo ci sono lattughe e spinaci).

Se penso la frase “l'ortaggio più facile è...” anziché venirmi in mente un ortaggio, mi viene in mente la mia maestra delle elementari. Lei diceva sempre, quando qualcuno di noi derideva un compagno di classe che non sapeva fare qualcosa, quando ridendo qualcuno di noi diceva “ahahah ma è faaacilee”, la maestra diceva sempre: è facile per chi lo sa fare. Niente di più vero. Io me lo sono sempre tenuto a mente, questo prezioso insegnamento, e quando inizi una cosa nuova come fare l'orto, ti posso assicurare che rivoltare ogni fallimento dal lato del “è difficile perché ancora non lo so fare” è quasi come avere qualcuno che coltiva al posto tuo. Naturalmente, questo vale anche quando coltivi un ortaggio solamente perché su un manuale di orto o su internet avevi letto che è l'ortaggio più facile da coltivare. E poi va tutto diversamente.

Le carote sono l'ortaggio più facile da coltivare?
Carote 2017 raccolte a marzo: gialline, storte e corte.

Carote ortaggio facile un corno.


Io e Alli mangiamo molto volentieri le carote, soprattutto crude, ma ci piacciono anche cotte o nelle torte. Uso le carote come ingrediente fondamentale per il mio dado vegetale fatto in casa e, come saprai, non esiste soffritto senza carote. Ecco perché volevamo assolutamente coltivare le carote nel nostro orticello biologico: noi coltiviamo solo ortaggi che ci piacciono!

Ma da qui a dire che le carote sono facili...

  •  Le carote hanno semini minuscoli che dovresti seminare a uno a uno con tanta pazienza; oppure li semini a spaglio e poi quando sono nati i primi ciuffetti tutti attaccati fra loro, diradi le piantine; diradare a me non piace, perché significa eliminare le piantine più deboli, che comunque moriranno per via del trauma: resteranno solo quelle che non hai toccato.
    A che distanza seminare le carote?
    5 cm di distanza tra le carote bastano eccome.

  • Le carote seminate ci mettono un po' a germogliare, non so dirti quanto per due motivi: innanzitutto il primo ciuffetto sembra un'erba qualsiasi (ci sono erbe spontanee simili alle carote, anche velenose), quindi non hai mai la sicurezza che quella sia davvero una carota e non un'erbaccia; motivo per cui non togli più le erbacce perché hai paura che siano carote! Il secondo motivo per cui non so quanto ci impiegano davvero le carote a germogliare è che io ho pazienza quando si tratta di seminare manualmente un minuscolo semino alla volta, la trovo una pratica molto rilassante; ma non ho nessunissima pazienza quando si tratta di aspettare! Per me le carote ci impiegano un'eternità! Ecco perché in un angolo dell'aiuola che avevamo seminato a carote, da ottobre ci sono le bietoline, e chissà che presto non ci saranno anche le suddette carote...

    Riconoscere una carota a colpo d'occhio
    Io lo sapevo che qui avevo seminato le carote, ma...


    carote-ortaggio-facile-da-coltivare10
    Ciuffo di carota, lui sì che cresce facilmente, ma lei?

  • Le carote che crescono hanno un ciuffo verde inconfondibile, che cresce alto e folto e ti riempie di entusiasmo e di gioia; almeno finché non ti rendi conto che, in ogni caso, non è facile capire dal ciuffo se sotto terra c'è anche la carota oppure no! Hai aspettato troppo? Saranno pronte le carote? E se sbirciassi un pochino? Non gli farà male? Quanto tempo è passato dalla semina? Se hai altri ortaggi con cui confrontarti, ortaggi che fioriscono e poi dal fiore nasce il frutto, oppure ortaggi che sono pronti quando la pianta si è seccata completamente, le carote ti sembreranno un ortaggio snervante.

  • Sbirciare per capire se le carote sono pronte
    Questa è ancora troppo piccola.

    Sbirciare per capire se le carote sono pronte
    Questa sembra pronta...

  • Le carote col ciuffo folto hanno una testolina bella grossa: diciamo che, se il ciuffo è composto da una decina di rametti, la testa sarà grossa di conseguenza. Ma se la carota non è ancora pronta, o se qualcosa è andato storto, rischi di tirar fuori dal terreno una carota formato ravanello! Insomma, il fatto che le carote biologiche potrebbero essere storte, bitorzolute, più piccole di quelle del supermercato eccetera ti sembrerà nulla di fronte a un ravanello arancione (oltretutto i ravanelli crescono molto più in fretta).

  • Le carote sono l'ortaggio più facile da coltivare
    Ma che bella testolina che sta spuntando là sotto!
     
    Ops, da fuori sembrava una carota...

È facile per chi lo sa fare.


Se le carote sono un ortaggio facile da coltivare? Be', dipende: sono facili per chi lo sa fare, o per quelli che, come me e Alli, le hanno già coltivate tre volte e hanno visto che le carote non si comportano come altri ortaggi che crescono sottoterra.

Fra questi, noi diremmo che le patate e le cipolle, ma pure l'aglio, sono molto più facili. Forse l'impressione è data dal fatto che in questi tre casi si interrano rispettivamente un pezzo di patata germogliata, un cipollotto e uno spicchio d'aglio, mentre della carota devi seminare quel semino minuscolo che potrebbe sparire dal terreno con le prime piogge. È successo così? E come facciamo a saperlo?
Ecco, forse, non è difficile coltivare le carote, è difficile accettare di non sapere.

Adesso però non disperare, la prossima volta spiegherò quelle poche cose che bisogna sapere per coltivare le carote e trasformarle in un ortaggio facile da coltivare, promesso. Non voglio passare per quella pessimista e disfattista. In fondo, io e Alli continuiamo imperterriti a coltivarle nel nostro orticello bio e se non è facile coltivare le carote, non è nemmeno impossibile. Intanto iscriviti qui per ricevere direttamente nella tua casella di posta tutti i nostri post appena li pubblichiamo, c'è anche una newsletter abbinata che si chiama Lettere dall'orto, guarda.

10 commenti:

  1. Bel post divertente, che racconta delle nostre disavventure con le carote, che potremmo dire pianta simbolo di chi vuole fare l'orto, e del nostro in particolare: colori nostri e testardaggine zen nel voler continuare. E alla fine ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E alla fine andremo tutti d'amore e d'accordo. Ognuno ha i suoi tempi, i suoi ritmi, i suoi cicli... quelli delle carote sono tutti da scoprire ;o)

      Elimina
  2. Le carote sono sempre state la mia bestia nera sich!ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me sono uno di quei casi dove l'unica chiave è l'ostinazione amorevole!

      Elimina
  3. Mi stai dicendo che forse quindi, l'unica volta che ci abbiamo provato e che non si è vista manco l'ombra di un ciuffo, potremmo averle estirpate scambiandole per erbacce? Mmm...toccherà riprovarci! Anche perché anche noi facciamo gran uso di carote e al mercato non si trovano sempre.
    Comunque col tuo racconto mi hai fatto venire in mente un libro illustrato molto divertente che, se venite dda queste parti, ti regalerò :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sì, potrebbe essere successo così! Ri-provare per credere.
      Scherzi a parte val la pena di provare e riprovare, e pure di lasciare tutte le probabili erbacce, meglio toglierle quando si è sicuri sicuri, ecco!
      Che bello, un libro illustrato, sìììì!! :o)

      Elimina
  4. Le Zucchine! quelle danno davvero pochi problemi e tanti frutti :) almeno da noi. Le carote sono un casino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermiamo che le zucchine non pretendono pazienza ;)
      Le carote mi piacciono di più delle zucchine (anche se averle provate crude ha contribuito a farmi piacere anche le zucchine), quindi non demordiamo, ma... le carote sono proprio un casino, sì!

      Elimina
  5. Io, che di Agricoltura ci campo, vi assicuro che le carote "a modo" non sono mai riuscito a cavarle dalla terra...mai.
    C'ho provato in mille modi, seminandole, trapiantandole, scegliendo varietà antiche, scegliendo varietà commerciali, con terra fina, con terra finissima, provando almeno 7 modi per concimarle, lasciandole inerbite, pacciamando con paglia, in consociazione, isolate, fregandomene della consociazione, in pieno campo, in serra, in vaso, in aiuola...
    Secondo me sono la prova del 9 per moltissime persone, me compreso.
    ciao
    A.A.

    RispondiElimina

Se vuoi commentare, prima leggi la nostra informativa sulla privacy, per sapere come usiamo i tuoi dati (nome e indirizzo email che dovrai inserire per commentare). Letta? Ecco, adesso puoi commentare.

Aspetta!

Lo sai che ogni mese mandiamo le nostre Lettere dall'orto e, se vuoi, anche tutti i post del blog direttamente nella tua casella di posta? Per riceverle basta che ci dici il tuo nome e il tuo indirizzo email, scrivili qui >Lettere dall'orto di Elle e Alli.